Sam jr entrò nella camera di Francesco e aprì la ribalta dello scrittoio sotto cui erano custoditi i gioielli di Maria. Non li trovò: doveva averli presi lui per lo stesso motivo.
Andò in cucina a prepararsi un caffè, anche se non ne aveva bisogno: la lettura della lettera gli aveva fatto produrre abbastanza adrenalina: si sentiva pieno di energia e non vedeva l’ora di lasciare quella casa. Mentre avvitava tra di esse le due metà della caffettiera lo sfiorò il pensiero che potesse trattarsi di una messa in scena che aveva quell’unico obiettivo. Immaginò di ritrovare Francesco sul pianerottolo, pronto ad ammettere che si era inventato ogni cosa per scuoterlo. Gli avrebbe fatto piacere, ma sentiva che questa volta non gli aveva mentito.
Perlustrò la casa per verificare se ci fosse qualche oggetto di valore da portarsi appresso. Non trovò niente.
Prelevò un coltellaccio da cucina, lo lasciò cadere nello zainetto insieme a un sacchetto di pillole alimentari e uscì.
Nel chiudere la porta di casa si fermò. Gli era venuta in mente una cosa.
Ruotò la chiave in senso contrario e tornò dentro. Prese un cacciavite dalla cassetta degli attrezzi e andò in camera di Francesco, dove armeggiò per alcuni minuti con la serratura del cassetto di destra dello scrittorio fino a forzarla. Si era convinto che dovesse contenere qualcosa di valore.
Ciò che trovò non corrispose alle sue aspettative: si trattava di una risma di fogli scritti a mano; la grafia era diversa da quella di Francesco. Doveva trattarsi di lettere che egli aveva ricevuto nel corso degli anni, sebbene si trattasse di un’abitudine scomparsa da un secolo.
Era dibattuto tra la curiosità di leggere e la paura di farlo. Ci mancava solo che il loro contenuto lo restituisse al divano. Da Francesco ci si poteva aspettare di tutto. Di certo, per essere custodite così gelosamente, quelle lettere dovevano avere un valore molto alto.
Gli scappò un sorriso. Gli era passato per la mente che potesse trattarsi di falsi autografi a firma della moglie scritti da lui stesso, per lasciarli in eredità a Turi dopo la sua scomparsa e suggellare in via definitiva la prima versione dei fatti. Ma allora perché non le aveva eliminate dopo averla rinnegata per così tante volte di seguito? Sam jr considerò che avrebbe potuto averle utilizzate per costruire a posteriori una storia d’amore perfetta in grado di offrigli un alibi di ferro in caso di riapertura del caso della morte di Maria.
Prese la prima e cominciò a leggere.

 

© Turi Totore