Che il nostro pianeta sia sull’orlo d’una catastrofe ecologica lo sanno tutti fuorché il pianeta, a cui non è stato riportato per delicatezza. Cionondimeno sarebbe una forzatura nobilitare gli slanci di chi pratica la dendrofilia attribuendoli a una lusinghiera presa di coscienza collettiva; così come risulterebbe fuorviante riconoscergli un afflato tragico, sol perché la risaputa caducità della vita parrebbe in procinto di concretizzarsi per la totalità degli esseri viventi nelle prossime settimane. In ogni caso, quand’anche le ipotesi non fossero del tutto peregrine (ma a giudizio dello scrivente lo sono eccome) focalizzarsi sui dendrofili dell’ultima ora pregiudicherebbe la corretta inventariazione delle potenze che sommuovono gli autentici appassionati del genere, ossia coloro i quali hanno aderito a questa prassi in tempi insospettabili e sono gli unici a potercela introdurre.

continua

© Turi Totore