Il giorno appresso nessuno dei due si mostrerà particolarmente espansivo, limitandosi a infilare la bicicletta tra i baffi della rastrelliera e lasciando penzolare appesa al manubrio la catena dell’altro di cui non possiedono la chiave. A fine orario di lezione scopriranno d’aver avuto una pessima idea, visto che ritroveranno le catene ma non le biciclette.
Si fionderanno, ognuno per proprio conto, al mercato delle pulci, dove gli hanno spiegato che finiscono le bici rubate, nella speranza di rientrare in possesso della propria. Accadrà che Ray riconoscerà e acquisterà a basso prezzo quella di Hoop e lei farà altrettanto con quella di Ray.
Quest’ultimo raggiungerà casa a piedi dopo aver legato la bicicletta di Hoop a un palo della luce davanti al suo condominio; e ritroverà la propria incatenata ad un archetto metallico accanto al portone d’ingresso. Nella buca delle lettere scoprirà la chiave della catena di Hoop con cui la bici è stata legata. Così come Hoop rinverrà nella propria la chiave della catena di Ray. E’ la giornata delle idee simmetriche, se entrambi hanno confidato che la buca giusta fosse l’unica che non riportava alcun cognome.